Il Museo Guggenheim di Bilbao

Ecco, questa me la sono persa. La bellissima mostra sul pittore irlandese Francis Bacon e i suoi maestri, tenuta da settembre 2016 a gennaio 2017 presso il Museo Guggenheim di Bilbao. Un’opportunità non solamente per ammirare dal vivo alcuni capolavori del mio artista preferito, nonché di altri grandissimi talenti come Pablo Picasso o Diego Velázquez, ma anche per scoprire una delle più intriganti strutture museali presenti in Europa.

Appartenente alla Fondazione Solomon R. Guggenheim e progettato dal celebre architetto canadese Frank Owen Gehry, il Museo Guggenheim di Bilbao è un’enorme opera artistica, più importante talvolta degli stessi quadri, sculture e installazioni che vi vengono ospitati. Luogo di culto per appassionati d’arte e architettura provenienti da tutto il mondo e situato in un vecchio distretto industriale della città basca, nel 2016 il museo ha compiuto il suo 19° anniversario, e per l’occasione l’azienda tedesca Expondo ha deciso di realizzare un’infografica che ne illustra le peculiarità.

guggenheim_it-min

Anche a vederlo da distante, o semplicemente in fotografia, il Guggenheim spagnolo colpisce per una caratteristica inconfondibile. Il metallo: l’edificio pare una scultura in metallo di formato colossale. L’aspetto avveniristico e patinato del museo, il cui colore pare armonizzarsi con le condizioni climatiche esterne, è dovuto ai moltissimi pannelli di titanio che assieme alla pietra calcarea e il vetro ne rivestono la struttura esteriore, creando un particolarissimo affastellamento di superfici sinuose e scintillanti che si riflettono nelle acque del fiume Nervion o dell’adiacente laghetto artificiale. Magia dell’architettura: a seconda della prospettiva da cui lo si guardi, l’edificio può ricordare una nave, un pesce, oppure, se osservato dall’alto, un enorme fiore.guggenheim-bilbao-jan05Una costruzione, quella del Guggenheim spagnolo, che è partita da un’idea di Frank O. Gehry (il quale ha dovuto ricorrere addirittura a un programma di progettazione normalmente usato nell’industria aerospaziale) e si è concretizzata grazie a quattro anni di duro lavoro, dall’ottobre 1993 all’ottobre 1997, museo-guggenheim-bilbao-internoda parte di operai e scalatori specializzati nell’adattare le sottilissime lamiere metalliche alle pareti dell’edificio. Ciliegine sulla torta, circondano il museo sculture e installazioni di alcuni dei più influenti artisti moderni e contemporanei: Louise Bourgeois, Eduardo Chillida, Jeff Koons o Yves Klein, a cui si deve la Fontana di fuoco e nebbia integrata al laghetto artificiale.

Ma dentro al museo, che cosa si trova ? Superato l’ingresso, il visitatore accede subito a un grande spazio interno chiamato Atrium. Rischiarato dalla luce naturale che filtra attraverso le alte pareti vetrate, l’Atrium funge da punto di collegamento tra i tre piani dell’edificio, oltre che da area espositiva complementare alle venti gallerie del museo.

Venti gallerie, ho scritto bene, alcune rispettose delle proporzioni architettoniche e altre dai volumi scombinati: tutte comunque funzionali a valorizzare le numerose opere esposte nel Guggenheim di Bilbao, che nel corso degli anni ha dedicato mostre ai maggiori creativi dalla seconda metà del XX secolo fino ai giorni nostri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...