Olivier Dutreuilh, un artista vero

Capita raramente, molto raramente, d’incontrare persone che passano il loro tempo libero a vendere pesce al mercato. O a guidare camion carichi di benzina. O a riparare televisori guasti. O a fare gratuitamente qualsiasi tipo di occupazione per la quale di solito si è pagati. Siete d’accordo ? Quando un’attività, qualsiasi attività, viene svolta non per ottenere una contropartita diretta (stipendio, pagamento, attestato, riconoscimento pubblico…) ma per sviluppare una soddisfazione tutta personale, smette di essere percepita come un lavoro e diventa qualcosa di diverso. Chiamatela hobby, chiamatela passatempo, chiamatela svago, chiamatela sport. Chiamatela come vi pare. Ma non chiamatela lavoro.

olivier-dutreuilhSeguendo il ragionamento, la vita di un essere umano può essere divisa in due momenti ben distinti : il tempo che si dedica al lavoro, e il tempo in cui non si lavora ma si fa altro. Escludendo le necessità corporee vitali (mangiare, bere, dormire…), le attività che l’uomo svolge nel tempo in cui non lavora solitamente rientrano nel campo dello svago di cui sopra.

Se non si è cuochi di mestiere, fare una bella torta la domenica pomeriggio è percepito come uno svago. Se non si è tennisti professionisti, fare una partita di tennis con un amico è percepito come uno svago. Se poi si ha un’anima artistica ma non si è artisti di professione, dipingere un quadro o fare un complesso origami è percepito come uno svago. La passione : è la pura e semplice passione che spinge le persone verso questo tipo di attività. Il tempo e le energie investite lavorando (traducibili sottoforma di stipendio) servono pertanto a finanziare le passioni extra-professionali. Perché vi sto dicendo tutto questo ? Voglio raccontarvi un piccolo aneddoto.

olivier-dutreuilh-2Recentemente sono venuto a sapere di un tal Olivier Dutreuilh, francese sulla sessantina, che ogni mattina si alza alle 6:00 e va a guidare il pulmino scolastico del suo villaggio. Due ore, dalle 7:00 alle 9:00, per accompagnare gli studenti al liceo. Tolta la casacca del conducente di pullman, Olivier indossa i panni dell’agricoltore-allevatore. Guidare il trattore, zappare la terra, curare gli animali: tutte attività che per quanto faticose e gratificanti siano, non rendono a Monsieur Dutreuilh un ritorno economico sufficiente alla sussistenza. Per soddisfare la passione di allevare le vacche, Olivier dedica parte della sua giornata al lavoro di conducente di scuolabus.
Signore e Signori, quest’uomo è un artista.

Annunci

One thought on “Olivier Dutreuilh, un artista vero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...