I Viaggiatori di Eduard Ole (Breve elogio della noia)

La noia. Qualcuno ci ha costruito della poesia, partendo dalla noia. Sogni, incubi, visioni, mondi immaginari. Tutto partorito da quella sensazione di tedio misto a un lieve scoraggiamento, se non a vera depressione : i bohemien francesi la chiamavano spleen, parola intraducibile in italiano, oggi, nell’epoca del vernacolo da telefonino, siamo scesi al più prosaico … More I Viaggiatori di Eduard Ole (Breve elogio della noia)